martedì, Ottobre 19, 2021

Trasplante de pelo, tratamientos, alopecia.

HomePerdita di capelliLa caduta dei capelli nelle donne

La caduta dei capelli nelle donne

Quali sono le differenze tra caduta dei capelli negli uomini e nelle donne?

La caduta dei capelli colpisce uomini e donne e può essere vissuta come un fenomeno abbastanza angosciante. Sebbene si verifichi più frequentemente negli uomini, circa due terzi delle donne soffrono di calvizie di tipo parziale o totale superati i 50 anni. I primi sintomi comprendono un diradamento dei capelli o aree di calvizie sparse, ma il problema causa anche un disagio di tipo psicologico. Contrariamente agli uomini, la perdita dei capelli nelle donne non è qualcosa di “accettabile” dal punto di vista culturale: disagio, vergogna e difficoltà a socializzare sono solo alcuni delle conseguenze che colpiscono le donne affette da calvizie.

Un’altra differenza sta nel modo in cui il fenomeno si manifesta: negli uomini comincia dalle tempie, e nell’attaccatura dei capelli che assume la forma della lettera M.

Nelle donne, la perdita avviene in modo graduale e inizia in corrispondenza della riga in mezzo.

Perché le donne perdono i capelli?

Vediamo quali sono alcune tra le cause più frequenti.

Caduta capelli post-parto

Durante la gravidanza, l’aumentata produzione di estrogeni sincronizzano la crescita dei capelli e favorisce l’attività dei follicoli. Tuttavia, dopo il parto, non solo non sono più così stimolati, ma spesso indeboliti dall’allattamento — correlato all’incremento dell’attività della prolattina, un ormone che indebolisce i capelli. Il fenomeno continua per diversi mesi e potrà essere più intenso in presenza di altri fattori aggravanti, per es. trauma post-parto, perdite di sangue e diminuzione dei livelli proteici del plasma. Il completo recupero avviene solitamente in 4-12 mesi e tende ad essere meno evidente nelle gravidanze successive alla prima.

Alimentazione carente

Il diradamento della capigliatura è una conseguenza somatica del deficit di sostanze nutritive.

Non a caso, il 30% delle donne che perdono i capelli prima dei 50 anni accusano carenze alimentari di vario genere. È molto importante seguire sempre una dieta bilanciata che apporti la giusta quantità di vitamine e proteine fondamentali per mantenere il capello sano e prevenirne la caduta.

Tiroide

Esiste una correlazione tra il livello, la durata e la severità delle disfunzioni della tiroide (per es. ipotiroidismo, ipertiroidismo) e la caduta dei capelli nelle donne. Se il problema viene trascurato, l’alterazione tiroidea potrebbe protrarsi fino all’atrofia di alcune delle unità follicolari.

Stress fisico e psicologico

Stati acuti d’ansia, traumi psicologici e depressione sono talvolta cause di alopecia psicogena (da stress) — cioè quando il corpo produce in enorme quantità un ormone chiamato cortisolo. Questa produzione continua inibisce le sostanze che favoriscono la crescita dei capelli.

Altre cause della perdita dei capelli nelle donne

  • invecchiamento
  • cambiamenti ormonali importanti come la menopausa
  • storia clinica familiare con calvizie femminile
  • inquinamento ambientale
  • trattamenti cosmetici aggressivi

Come si manifesta la caduta dei capelli nelle donne?

Effluvio Telogen

Con il termine di telogen effluvio (o effluvium), si indica una caduta anormale dei capelli causata da un evento stressante dal punto di vista psichico o fisico. Un fenomeno che colpisce prevalentemente le donne, il telogen effluvio consiste in un aumento temporaneo del numero di capelli che cadono in fase telogen (al termine della fase di crescita). La caduta interessa tutto il cuoio capelluto, comprese le parti laterali e posteriori della testa e i capelli che cadono ricrescono quando il fenomeno di effluvio ha termine.

Per questi motivi, i capelli non sono persi in via definitiva a meno che non si tratti di una caduta significativa, che provoca capelli visibilmente diradati.

L’effluvio Telogen può infatti verificarsi in forma:

  • acuta: una caduta dei capelli intensa ma limitata ad un breve periodo. Questi episodi possono essere indotti dall’assunzione di alcuni farmaci (anticoagulanti, farmaci tiroidei, farmaci per il sistema nervoso), o da malattie (anoressia, tumore, ecc.);
  • cronica: una perdita dei capelli che persiste nel tempo, che tende a ripresentarsi in diversi periodi dell’anno. Si tratta di un fenomeno molto stressante per le donne che lo accusano e potrebbe essere l’inizio di una calvizie.

Rimedi contro la caduta dei capelli nelle donne

I rimedi per affrontare la caduta dei capelli in genere comprendono farmaci, trattamenti topici e trapianti. Tuttavia, ci sono diversi accorgimenti che possono essere adottati per prevenire ulteriori danni o perdita dei capelli, quali:

  • evitare acconciature che tirano i capelli in modo eccessivo, per es. trecce o code di cavallo. Esercitando una pressione molto forte, queste pettinature danneggiano i follicoli piliferi
  • usare arricciacapelli, asciugacapelli e piastre liscianti con la temperatura più bassa
  • applicare uno spray protettivo prima di effettuare styling che implicano temperature di calore elevate
  • non esagerare con processi chimici quali stirature, decolorazioni o tecniche di schiaritura che danneggiano il fusto dei capelli
  • per rivitalizzare le ciocche diradate, consumare cibi e integratori ricchi di vitamine, ferro, zinco e vitamina B12
  • prendersi cura del cuoio capelluto e della crescita dei capelli usando oli essenziali di rosmarino, legno di cedro o lavanda

Conclusioni

Si tende a credere che la quantità di capelli che cadono sia il principale parametro per valutare la salute della capigliatura. In realtà ciò che conta è la qualità della ricrescita dei capelli. Per questo motivo, in casi di perdita eccessiva è importante intervenire tempestivamente stimolando la produzione di capelli: laddove i follicoli sono ancora recuperabili, la ricrescita dei capelli è ancora possibile.

In molti casi, si può migliorare l’habitat del cuoio capelluto con trattamenti tricologici specifici che contrastano i fattori negativi che contribuiscono alla caduta dei capelli quali l’eccessiva produzione di sebo, la forfora e la cute secca.

Per risolvere ogni dubbio, è consigliabile effettuare una visita tricologica, cioè un esame del capello in grado di verificare un eventuale deterioramento strutturale. Lo specialista deciderà poi se è il caso di effettuare ulteriori esami di accertamento, quali:

  • tricogramma: analisi al microscopio di un campione di capelli della paziente che riesce ad individuare eventuali problemi nel ciclo naturale di ricrescita
  • mineralogramma: analisi del capello per individuare insufficienze alimentari

 

Date le molte ragioni che possono causare la caduta dei capelli nelle donne, ognuna richiede un tipo di attenzione diversa — è sempre consigliabile rivolgersi presso una clinica specializzata.

Relacionados

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Novedades

Populares