Trapianto capelli Milano

I capelli sono un elemento del corpo molto importante per sentirsi bene. Incidono in maniera diretta nell’aspetto del viso e contribuiscono ad una buona parvenza fisica. Sfortunatamente, molte persone soffrono di vari tipi di alopecia. Alcune regrediscono e altre no. Gli effetti causati dalla perdita dei capelli, nei casi irreversibili, sono molto negativi. Per questo motivo, se si soffre di calvizie permanenti è necessario rivolgersi al miglior dottore in trapianti di capelli a Milano.

Un buon chirurgo tricologo o chirurgo per trapianti di capelli ha tutte le competenze necessarie per risolvere i problemi di alopecia. Con un trapianto di capelli a Milano che è il metodo più efficace, con risultati per tutta la vita. Recuperando la stabilità del paziente che soffre di calvizie che si sente molto afflitto. Poiché perdere i capelli rappresenta una situazione di squilibrio emotivo. Per il cambiamento dell’aspetto del viso, perché si sembra più vecchi, e scatena malesseri fisiologici.

Qualsiasi medico chirurgo può realizzare un trapianto di capelli?

Il trapianto di capelli è un intervento chirurgico. Come tutti gli interventi, richiede specifici procedimenti e attenzioni. Che riguardano il cuoio capelluto e i suoi capelli. Questo significa che deve essere uno specialista dell’area dei capelli a compiere questo intervento. Un chirurgo qualsiasi non può realizzare un trapianto di capelli.

Un medico è qualificato per occuparsi dei problemi di salute mediante i trattamenti. Quando diventa un chirurgo cura il paziente ricorrendo ad operazioni chirurgiche. Ma per i trapianti di capelli è necessario un chirurgo esperto in Tricologia. Che è un ramo della Dermatologia dedicato alla salute del capello. Insomma deve essere un chirurgo tricologo per realizzare trapianti di capelli poiché è un chirurgo professionista specializzato nel capello.

Un medico chirurgo non specializzato in Tricologia, non possiede le conoscenze e la destrezza per realizzare un trapianto di capelli. Per tanto non può affrontare questo tipo di intervento. Facendolo, mette a rischio la salute del paziente e potrebbero insorgere altri problemi. Tipo lesioni o infezioni. Dovute a prassi mediche sbagliate. Scegliere un chirurgo specialista in trapianti è obbligatorio quando si ricorre ad un intervento ai capelli.

Formazione che deve possedere un medico per essere chirurgo per i trapianti di capelli

Un medico chirurgo per effettuare trapianti di capelli deve possedere una vasta formazione.   Deve specializzarsi in chirurgia, nel ramo estetico dei capelli. E’ necessario che studi la Dermatologia, specificatamente nel ramo della Tricologia. In questo modo potrà trattare il cuoio capelluto, che è pelle, e i capelli con tutta la loro struttura. Come ad esempio i follicoli piliferi. Inoltre deve conoscere come si realizza il procedimento chirurgico di microinnesti di capelli.

Una volta che il medico si è specializzato come chirurgo tricologo, è importante che faccia un corso. Con professionisti dedicati ai trapianti di capelli. In modo che sviluppi le abilità necessarie. Inoltre deve rimanere costantemente aggiornato poiché nell’ambito dei trapianti di capelli vengono fatti continui passi in avanti. Sia nelle tecnologie che nei metodi utilizzati. I processi si perfezionano, portando miglioramenti per il paziente.

Attualmente, esistono diverse alternative chirurgiche per recuperare i capelli persi. La più usata è il metodo FUE, che avviene in differenti modi. Per esempio, con l’uso della tecnica innovativa di impianto DHI. Affinché un chirurgo tricologo possa svolgere correttamente la sua attività deve saper gestire tutti questi processi. Ed essere sempre pronto ad implementare le conoscenze per il proprio lavoro man mano che vengono scoperte.

Personale medico che partecipa negli interventi di trapianti di capelli

Tutti gli interventi chirurgici prevedono un procedimento che contempla diverse tappe e specifiche attenzioni. E’ per questo motivo che è richiesta la partecipazione di vari professionisti, specialisti in differenti aree della salute. In modo che il paziente sia ben seguito, prendendosi cura di ogni aspetto per mantenere il suo stato di salute ottimale. E allo stesso tempo che risolvano il problema trattato.

Il trapianto di capelli, come tutti gli interventi chirurgici, implica la presenza e il lavoro di una équipe di medici. Nella tappa preoperatoria, chirurgica e postoperatoria.  Generalmente si limita ad un anestesista e al chirurgo. Che in molte occasioni si appoggia ad un tricologo o ad un dermatologo soprattutto nella fase diagnostica. Partecipano anche diversi infermieri dedicati all’assistenza dei medici e dei pazienti.

Anestesista

L’anestesista è il medico specializzato in Anestesiologia. Ha la facoltà di occuparsi e di fornire assistenza speciale ai pazienti che sono sottoposti ad intervento.  Soprattutto, in lui ricade la responsabilità di addormentare le persone per l’intervento. Allo stesso tempo mantengono stabili le funzioni vitali, durante tutta l’operazione e partecipano al processo di recupero postoperatorio.

C’è da sottolineare che la presenza di un’anestesista non è necessaria per gli interventi di trapianti di capelli. Poiché si tratta di un procedimento ambulatoriale, dove si usa anestesia locale. La quale può tranquillamente essere somministrata dal chirurgo. Tuttavia il chirurgo deve essere sempre in costante comunicazione con l’esperto in anestesia in modo che si somministrino i farmaci corretti e sappia far fronte a qualsiasi complicazione che può insorgere per effetto di questi medicinali.

Esistono persone che presentano situazioni di rischio, alla somministrazione di anestesia. In alcuni di questi casi può essere obbligatoria la presenza di un’anestesista. Perciò in una buona clinica per i trapianti di capelli si può contare sui servizi di un medico anestesista. Che garantisca la stabilità dei pazienti, in qualsiasi situazione improvvisa, ovviamente nell’ambito della sedazione.

Chirurgo

Il chirurgo è il medico specialista nella realizzazione dell’intervento chirurgico. Cioè in tutti quei processi che includono il trattamento dell’organismo delle persone. Con l’intento di correggere un problema strutturale organico. Mediante l’uso di strumenti e ricorrendo a tecniche manuali.

Il trapianto di capelli è un intervento dove si manipola la parte interna del cuoio capelluto. Durante le tappe di estrazione e reimpianto dei follicoli piliferi. Per tanto deve essere svolto da un chirurgo. Che sia esperto in microinnesti, certificato in Tricologia. Questo professionista si incarica delle incisioni, manipolazioni e suture del tessuto sul quale si interviene.

E’ obbligatorio che sia un chirurgo tricologo ad eseguire il trapianto di capelli. Essendo l’unico clinicamente autorizzato per questo tipo di attività. Sottoporsi ad un’operazione di trapianto di capelli effettuata da altri specialisti rappresenta un pericolo per la salute. Ci si espone ad un risultato negativo che può aggravare il problema della calvizie.

Tricologo

Il tricologo è un medico specialista in Tricologia. Ramo della Dermatologia, dedicato alla cura, diagnosi di malattie e trattamenti del cuoio capelluto e dei capelli. E’ l’esperto qualificato per determinare, valutare e fornire soluzioni ai casi di alopecia o calvizie. Studia e stabilisce i motivi della caduta dei capelli, e dell’assottigliamento della fibra del capello. Oltre a qualsiasi altra patologia relativa ai capelli.

Il chirurgo tricologo è lo specialista indicato per eseguire gli interventi di trapianto di capelli. Possiede le formazioni universitarie per compiere queste tipologie di processi chirurgici. Ha le conoscenze, l’abilità e l’esperienza per ristabilire il capello. Di fronte ad ogni tipo di alopecia che lui stesso determina se è trattabile o no con un trapianto.

Dermatologo

Il dermatologo è un medico specializzato in Dermatologia. Ha terminato la laurea in Medicina e preso la specializzazione. Si occupa della salute della pelle. Quindi della cura epidermica, della diagnosi delle patologie cutanee e dei numerosi trattamenti esistenti per curarle. Tra le sue competenze c’è anche la cura delle alterazioni del capello, e dei peli del corpo essendo parte della cute.

Il dermatologo può approfondire i suoi studi. Attraverso altre aree, come la Tricologia, e diventare così un esperto della salute del capello. Trattando tutti i tipi di calvizie, con l’intento di frenare la caduta dei capelli. E conseguire anche la certificazione per eseguire trapianti di capelli.

Cause dell’assottigliamento della fibra dei capelli

L’assottigliamento della fibra dei capelli è causata dagli effetti dell’ormone diidrotestosterone sui follicoli piliferi. Quando questi follicoli sono geneticamente predisposti ad essere alterati dalla reazione ormonale, succede che il follicolo o la radice si ritrae. Man mano che l’ormone produce il suo effetto su di esso, questa riduzione della struttura follicolare fa sì che il pelo cresca sempre più sottile, piccolo e senza forza.

L’assottigliamento della fibra dei capelli per cause ormonali è proprio dell’alopecia androgenetica o calvizie comune. Che è la più diffusa, ed è quella sofferta dalla maggior parte degli uomini calvi. Tuttavia, bisogna tener presente che esistono altre cause per la perdita dei capelli. Relative a malattie, trattamenti invasivi, o per ragioni sconosciute. In queste circostanze il capello si debilita per altri fattori, a seconda del caso.

Trattamenti che frenano la caduta del capello

I trattamenti che frenano la caduta del capello sono numerosi. Esistono shampo, lozioni, farmaci e anche pettini laser speciali.  La cosa più importante per curare qualsiasi tipo di alopecia è eseguire una corretta diagnosi della sua origine. Così si opterà per la miglior cura adatta al caso specifico. Bisogna anche considerare la qualità del prodotto. In modo che sia efficace e non metta a rischio la salute.

Tra i trattamenti più usati per frenare la caduta dei capelli ci sono il Minoxidil e il Finasteride. L’efficacia di entrambi è stata comprovata. Il Minoxidil è un vasodilatatore che aiuta la crescita del capello. Oltre ad ingrossarlo e ad evitare che i follicoli più piccoli scompaiano. Il Finasteride è un medicinale che evita al testosterone di diventare diidrotestosterone. Di conseguenza aiuta la sopravvivenza del follicolo e del capello.

Bisogna sapere che questi farmaci, anche se sono opzioni molto valide, non fermano completamente la caduta dei capelli. Inoltre il Minoxidil dà buoni risultati quando si è costanti nella sua applicazione. Se si sospende l’utilizzo, si annullano i progressi ottenuti. E purtroppo non funziona in tutti i casi. Il Finasteride si considera migliore. Ma gli effetti collaterali possono essere molto seri. Tra questi  vi è anche la disfunzione erettile.

Cosa devo tener presente nella scelta di un chirurgo per il trapianto di capelli?

Quando una persona decide di sottoporsi ad un intervento di trapianto di capelli è necessario che sia seguito da un buon professionista. Che gli garantisca eccellenti risultati, senza nessun rischio per la salute. Per scegliere un chirurgo, in maniera responsabile e saggia, si devono tener in conto alcune cose:

  • La sua esperienza. E’ indispensabile che il chirurgo abbia una vasta esperienza nella realizzazione di trapianti di capelli. Che abbia cioè trattato molti casi, tipo un migliaio, con successo. Questo si intuisce anche dagli anni di lavoro dedicati a questo genere di interventi.
  • Le sue credenziali e certificazioni. Si deve verificare che il chirurgo possieda la laurea in Medicina e Tricologia. Inoltre che abbia svolto dei corsi sul trapianto di capelli.
  • Esempi del suo lavoro. Un buon chirurgo tricologo deve mostrare ai suoi pazienti fotografie dei suoi casi precedenti. Dove si evidenzia il cambiamento. Cioè il prima e dopo l’intervento.
  • La realizzazione di una diagnosi in Quando il chirurgo è responsabile, valuta il caso di alopecia nel suo ambulatorio. Studia le condizioni del paziente, per poi stabilire le cure che necessita.
  • Il costo. Si deve controllare che il prezzo del servizio sia adeguato, a seconda del mercato dell’Estetica. Un costo molto basso si può tradurre in bassa qualità. E ci si espone ad essere trattati in strutture poco igieniche. Da un medico che non è adatto a questo tipo di intervento.

Trapianto di capelli senza chirurgia

Il trapianto di capelli senza chirurgia non esiste. Tutti i trapianti di capelli implicano un procedimento chirurgico. Tuttavia la definizione del processo senza chirurgia esiste, solo che si applica come strategia pubblicitaria per il metodo FUE. Che è il più utilizzato, al giorno d’oggi, per realizzare i trapianti. Essendo una tecnica poco invasiva, dove non si utilizza un bisturi, né si fanno incisioni, si può interpretare come non chirurgica. E’ una forma per attrarre i pazienti.

Il miglior medico di trapianti di capelli a Milano

Il miglior medico di trapianti di capelli a Milano lo trovi nella clinica Capilclinic. In questo centro per la salute del capello puoi trovare i chirurghi più esperti. Essi hanno un’ampia formazione e una vasta esperienza nel trattamento dell’alopecia.

Per questo motivo, se vuoi realizzare un trapianto di capelli, con la certezza che sarà un successo, devi rivolgerti a Capiliclinic e metterti nelle mani dei migliori chirurghi di trapianti a Milano. Fidati dell’esperienza e delle migliaia di commenti positivi che certificano la presenza dei migliori medici in materia di trapianti di capelli in Capilclinic.

Scrivi un commento:

*

Your email address will not be published.