venerdì, Novembre 26, 2021

Trasplante de cabello, tratamientos, alopecia.

HomeNotiziaTelogen effluvio cronico: sintomi e trattamenti

Telogen effluvio cronico: sintomi e trattamenti

Col termine “telogen effluvio” si indica una caduta di capelli abbondante. Si tratta di un fenomeno molto comune, che interessa uomini e donne; si verifica in modo diffuso su tutta la testa del paziente e a volte conduce a casi di alopecia, comunemente chiamata calvizie.

Non a caso, la classificazione clinica dell’alopecia viene spesso posta sulla base della quantità di capelli perduti. Si distinguono in tal senso gli effluvi, caratterizzati da perdite quantitativamente importanti di capelli nell’unità di tempo, dai defluvi, in cui la perdita di capelli è più lenta e contenuta.

I casi più evidenti di telogen effluvio possono essere di tipo acuto o cronico.

Quando è acuto, in genere si sono verificati degli episodi fisicamente o emotivamente importanti: febbre elevata, interventi chirurgici, incidenti stradali, emorragie. In questi casi, il paziente soffre di una caduta di capelli improvvisa, violenta, quantitativamente molto elevata, qualitativamente omogenea e diffusa su tutto il cuoio capelluto.

Le donne sono i soggetti più colpiti da telogem effluvio di tipo cronico. Si tratta di un’anomala e abbondante caduta di capelli che in genere le pazienti accusano con un diradamento diffuso e di varia gravità. L’effluvio in telogen cronico dura almeno 3 mesi ed è dovuto ad un evento “perturbante” che altera il normale ciclo del capello e che, nel suo perdurare, conduce alla perdita dei capelli.

Le cause

Il telogen effluvio non è un problema ereditario: è causato da una reazione che il nostro corpo ha nei riguardi di un fattore esterno; le cause sono diverse.

Una delle più frequenti è la reazione ad un cambiamento ormonale importante. Colpisce le donne in gravidanza, dopo il parto, oppure al termine dei trattamenti contraccettivi. Essere esposti a lunghi periodi di stress può anche essere una causa scatenante: lo stress è uno dei peggiori nemici per la salute dei nostri capelli. Aumentando i livelli di cortisolo (l’ormone rilasciato in risposta allo stress), la crescita dei capelli è negativamente influenzata nel passaggio tra le fasi anagen (fase iniziale della crescita del pelo) e telogen (il capello ha cessato le attività vitali ma rimane attaccato al cuoio capelluto).

Tuttavia, è importante sottolineare che nei casi della manifestazione cronica della malattia, la causa o le cause non sono sempre facili da rintracciare: possono essere problemi psicologici persistenti, diete inadeguate, somministrazione di farmaci, malattie autoimmuni croniche quali il LES (o Lupus), colite ulcerosa ecc. Fra le cause di telogen effluvio molto frequenti ed insidiose, ricordiamo le anemie croniche di ogni natura e le tiroiditi autoimmuni.

I sintomi

I sintomi del telogen effluvio cronico sono facilmente riconoscibili, ecco le principali:

  • una caduta massiccia e incredibilmente rapida dei capelli
  • riduzione allarmante della densità capillare
  • il cuoio capelluto è parzialmente o completamente calvo
  • le unghie spesso mostrano creste trasversali

Diagnosi

Come qualsiasi altra condizione dei capelli, è essenziale rivolgersi a uno specialista qualificato per determinarne le cause e il trattamento. Questo non solo fornirà anche una soluzione rapida, con tempi di recupero brevi, ma sarà altresì possibile capire se si può ricevere un trattamento efficace per porre fine al problema in modo definitivo.

La diagnosi viene fatta in ambulatorio e si può utilizzare la tricoscopia digitale o un microscopio a mano, ma sarà fondamentale effettuare uno studio analitico completo del paziente.

Esistono delle cure contro il telogen effluvio cronico?

Questa condizione non è irreversibile: significa che può essere risolta, anche se in certi casi serve pazienza. Bisogna infatti fare una distinzione fra le due forme principali di questa problematica, ovvero l’effluvio acuto e quello cronico.

Nel caso dell’effluvio acuto di solito basta attendere, visto che tende a passare in maniera spontanea e senza interventi diretti. La situazione è diversa nel secondo caso: dal telogen effluvio cronico si guarisce, ma servono interventi mirati, quali:

  • controlli della funzionalità tiroidea
  • tenere sotto controllo i livelli di ferro, vitamina B12 e acido folico
  • sottoporsi a terapie farmacologiche a base di corticosteroidi topici e sistemici, clorochina e idrossiclorochina
  • maneggiare delicatamente i capelli, evitare pettinature strette, spazzolature eccessive e qualsiasi tipo di massaggio del cuoio capelluto

Terapie naturali

È altresì possibile favorire l’acceleramento del processo di infoltimento del cuoio capelluto con delle terapie naturali. Tra i prodotti che riescono a curare il telogen effluvio, vale la pena nominare  quelli che contengono estratti della serenoa repens. Per i suoi effetti a livello ormonale, gli estratti di questa palma sono usati contro la caduta dei capelli per uso orale e topico.

Un secondo ingrediente è l’amminoacido chiamato arginina che, stimolando la produzione di proteine, si rivela prezioso per lo sviluppo e la salute dei follicoli piliferi.

Infine, il fieno greco non solo previene e contrasta la caduta dei capelli, ma ne promuove la crescita grazie all’elevato contenuto di fitoestrogeni: rende i capelli più lucenti, corposi e voluminosi.

Questi tre ingredienti hanno lo scopo di stimolare il bulbo pilifero e di migliorare nel complesso la salute del nostro organismo.

Terapie farmacologiche

Quando si è soggetti all’effluvio cronico, l’utilizzo dei rimedi naturali non basta per arrivare alla guarigione. Se la caduta non si arresta nel tempo è necessario iniziare con un controllo medico.

Un dermatologo o un tricologo certificato possono infatti prescrivere delle terapie farmacologiche di supporto.

In genere, per il trattamento della forma cronica vengono utilizzati dei prodotti cortisonici ad applicazione topica, ma in certe situazioni si può anche procedere con le fiale intramuscolari di metilprednisolone. Molto spesso la terapia cortisonica è sufficiente, viene realizzata con l’applicazione locale di lozioni, creme e unguenti.

Conclusioni

Come già detto, ci teniamo a ribadire che è sempre meglio evitare di assumere farmaci senza essersi sottoposti ad una serie di controlli medici. La caduta dei capelli potrebbe infatti essere il sintomo di una condizione più preoccupante, che richiede un intervento mirato e immediato.

Sebbene nella manifestazione acuta i rimedi naturali sono quasi sempre efficaci, è sempre utile prenotare una visita presso un tricologo che gode di una buona reputazione, con esperienza pregressa e che faccia parte di una clinica affermata.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here