Monday, April 15, 2024
Alopecia maschileCos’è il lievito di Malassezia e come influisce sull’alopecia?

Cos’è il lievito di Malassezia e come influisce sull’alopecia?

Se soffri di un’infezione fungina che potrebbe causare la caduta dei capelli, o ti fa preoccupare di poterli perdere, non c’è tempo da perdere. La prima cosa da fare è agire immediatamente per fermare la diffusione dell’infezione. E se non sai da dove iniziare, sei arrivato nel posto giusto. Abbiamo chiesto ai nostri esperti di darci tutte le informazioni più importanti sull’argomento. Dalla classificazione dei tipi di infezione, ai passaggi che puoi adottare oggi stesso per liberare il cuoio capelluto dai funghi e far ricrescere i capelli. Assicurati di leggere fino alla fine e saprai tutto ciò che c’è da sapere!

Cosa sono i funghi?

Un uomo con un’infezione fungina sul cuoio capelluto significa che è stato attaccato da degli organismi che si decompongono e assorbono il materiale organico in cui crescono. In questa categoria troviamo lieviti, funghi, muffe e molti altri. L’infezione dei capelli causata da agenti fungini è scientificamente nota come tricomicosi. Lo studio delle infezioni fungine dei capelli ha acquisito importanza negli ultimi due anni per i seguenti motivi:

  • La tricomicosi umana è una delle principali preoccupazioni in merito alla perdita di capelli cosmetica
  • Una grave infezione da funghi può causare infiammazioni che possono portare a disabilità

Quanti tipi di infezioni fungine possono causare la caduta dei capelli?

Le infezioni fungine che causano la caduta dei capelli possono essere classificate in tre tipi principali.

  • Dermatofiti
  • Malassezie
  • Agenti che causano micosi

Dermatofiti

I dermatofiti invadono direttamente i capelli dove possono abitare il cuoio capelluto e crescere. La loro capacità di abitare e crescere sui capelli può essere dimostrata dalla tecnica dell’esca per capelli. Bisogna porre i capelli sterili in un contenitore con del terreno, dove i Dermatofiti presenti mostrano la loro affinità per i capelli producendo colonie utilizzando i capelli come substrato. Alcuni Dermatofiti possono anche produrre organi perforanti nel fusto del capello. I dermatofiti invadono lo strato corneo dei capelli, si allungano e si moltiplicano, quindi entrano nella corteccia dei capelli. Un’infezione fungina dovuta a dermatofiti è la Tinea Capitis (o tigna del cuoio capelluto).

Tinea Capitis

La tinea capitis è l’infezione fungina più comune del cuoio capelluto. Sebbene la condizione di solito colpisce i bambini tra i cinque e i 10 anni, è presente in tutte le fasce d’età e soprattutto nei maschi.

La tinea capitis è associata ai vermi?

Contrariamente alla credenza popolare, la tinea capitis non ha nulla a che fare con i vermi ma in realtà è un’infezione fungina causata da dermatofiti. Il termine “tigna” è stato usato per la prima volta per descrivere le condizioni dei capelli che assumevano una “forma ad anello” nella prima (era l’inizio del XVI secolo). Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, la tinea capitis rappresenta oltre il 90% delle infezioni fungine in Europa e nelle Americhe.

La tinea capitis è contagiosa?

La malattia si diffonde facilmente quando si ha un contatto fisico con una persona infetta, in particolare il contatto con i capelli. Il motivo per cui la condizione è così diffusa tra i bambini è che i bambini sono generalmente molto vicini e tendono ad avere molto contatto fisico tra loro, specialmente a scuola.

Quali sono i fattori di rischio che possono provocare la tinea capitis?
  • Condivisione delle lamette da barba con un gran numero di persone in centri in cui non si rispettano le norme igieniche
  • Condivisione di pettini, asciugamani, spazzole per capelli con persone infette
  • Contatti fisici con animali domestici che fungono da habitat per dermatofiti da animali.
  • Avere i capelli bagnati per lunghi periodi di tempo (i funghi prosperano meglio in condizioni umide)
  • Lesioni maggiori/minori del cuoio capelluto

Sintomi

  • Macchie calve rotonde sul cuoio capelluto
  • Forte prurito del cuoio capelluto
  • Capelli fragili e spezzati che sono più corti degli altri
  • Le zone calve possono apparire rosse e squamose (nei casi più gravi)
  • Le chiazze calve possono formare vesciche e trasudare
  • Macchie grigie
  • Rigonfiamenti ispessiti, specialmente negli adulti

Infezioni da Malassezia

La Malassezia è un tipo di lievito che prende il nome dal loro scopritore, Malassez che riuscì a isolarlo con successo dalla forfora nel 1889. Si è scoperto che svolgono un ruolo importante nella patogenesi di una forma lieve di dermatite seborroica del cuoio capelluto. Esistono anche prove certe che la Malassezia può causare la caduta dei capelli e aggravare l’alopecia androgenetica. Un semplice meccanismo sarebbe quello di aumentare l’infiammazione cronica del cuoio capelluto. Un trattamento a base di ketoconazolo può aiutare ad eliminare la forfora e ridurre la caduta dei capelli. Attualmente sono note 12 specie di Malassezia. La principale condizione fungina in questa categoria è la forfora.

Forfora

Studi molecolari hanno suggerito che la forfora si manifesta con macchie bruno-rossastre pruriginose sul cuoio capelluto. Le statistiche raccolte indicano che la forfora ha una prevalenza mondiale compresa tra il 2% e il 5%. Un gran numero di lieviti Malassezia invade i follicoli piliferi dilatati con cheratina. La conferma di un attacco di forfora può essere effettuata da dermatologi esperti.

La forfora attacca allo stesso modo uomini e donne?

Sebbene la condizione colpisca entrambi i sessi, è più diffusa negli uomini e di solito li attacca subito dopo la pubertà. Il cuoio capelluto con forfora perde da due a tre volte più capelli rispetto al cuoio capelluto senza forfora.

Forfora e trattamento contro la perdita di capelli

Il trattamento della forfora prevede principalmente l’utilizzo di shampoo antiforfora che contengono principi attivi quali:

  • zinco
  • antimicotici azolici
  • carbone e catrame
  • solfuro di selenio

Inoltre, un trattamento topico efficace può includere creme specifiche, mousse contenenti azoli e farmaci antifungini come la ciclopiroxolamina e buteneafina. Se la condizione è molto grave, gli agenti antimicotici sistemici devono essere combinati con ketoconazolo, itraconazolo e fluconazolo. Ad oggi, il trattamento principale contro la forfora è lo shampoo al ketoconazolo 2%: persiste nei capelli fino a 72 ore dopo l’applicazione ed è sicuro.

Conclusioni

Il nostro cuoio capelluto è un habitat molto complesso. Purtroppo però a volte viene preso di mira da agenti esterni che sono responsabili di condizioni avverse, come lieviti e funghi. Esistono evidenze scientifiche e dati ben precisi sulla correlazione tra caduta di capelli e casi del genere.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here