Wednesday, April 17, 2024
Perdita di capelliDomande frequenti sulla caduta dei capelli

Domande frequenti sulla caduta dei capelli

diSoffri di caduta o diradamento dei capelli? Inizi a trovare più peli sul cuscino o nella spazzola rispetto a qualche tempo fa? Oppure trovi più capelli nel piatto della doccia dopo lo shampoo? Le domande che riguardano la caduta dei capelli sono probabilmente tra le più frequenti. E se da un lato può essere anche un fenomeno normale (dopotutto, anche i capelli devono rigenerarsi), dall’altro potrebbe essere un segno allarmante. Sopratutto a partire dall’età di 35 anni, gli uomini tendono a perdere circa il 40% dei loro capelli. La percentuale si alza fino al 70% per chi raggiunge gli 80 anni. Anche le donne non sono da meno, nonostante per loro i problemi tendono a presentarsi solo dopo i 50-60 anni. Se anche tu sei in dubbio rispetto a cosa è una perdita di capelli allarmante e cosa è un fenomeno normale, assicurati di leggere questo articolo fino alla fine: abbiamo chiesto ai nostri esperti di spiegare le cose più importanti che si dovrebbero sapere. 

Domanda 1: perché sto perdendo più capelli di quanto dovrei?

Non farti prendere dal panico immediatamente. Secondo i tricologi, le donne perdono tra i 50 e i 100 capelli al giorno, in alcuni casi anche fino a 150. Gli uomini tendono a perderne ancora più capelli. Quando si invecchia, i capelli diventano più sottili e più grigi. In questa fase, i capelli tendono a spezzarsi più facilmente. Ci sono molti fattori alla base del fenomeno, inclusa la perdita di proteine, vitamine, minerali e altri fattori ormonali. Praticamente, i follicoli piliferi inizieranno a ridursi e questo limiterà la nuova crescita dei capelli.

Il ruolo degli ormoni

Sono la causa più comune di perdita di capelli – sia per le donne che per gli uomini. L’ormone specifico responsabile della caduta dei capelli è sempre lo stesso: il diidrotestosterone (noto come “DHT”), viene prodotto dal nostro organismo come sottoprodotto del testosterone. La sua azione è semplice perché colpisce l’attaccatura dei capelli miniaturizzando i follicoli piliferi, facendo sì che i peli smettano di crescere, fin quando non cadono completamente. Questo tipo di perdita di capelli è chiamata alopecia androgenetica o perdita di capelli di tipo femminile. Nel complesso, è la forma più grave di alopecia perché i capelli persi non ricrescono più.

Domanda 2: Come faccio a sapere se i miei capelli sono forti o deboli?

La calvizie maschile si riferisce a una perdita di capelli sul cuoio capelluto che si verifica per gli uomini. Comincia a prendere piede con l’avanzare dell’età, quando cioè i livelli ormonali cambiano. Puoi controllare la salute e la forza dei capelli bisogna seguire il seguente metodo:

  • Afferra circa 50-60 capelli tra le dita
  • Tirali, facendo scorrere le dita tra i capelli.

Se il risultato è l’estrazione di 5 a 8 capelli, non c’è da allarmarsi. Tuttavia, se il numero è più elevato, allora potrebbe essere un segno che si stanno perdendo più capelli rispetto alla quantità normale.

Domanda 3: Come faccio a sapere se la mia perdita di capelli è dovuta alla calvizie?

La calvizie maschile si riferisce a una perdita di capelli sul cuoio capelluto negli uomini. Come già accennato, si verifica quando i livelli ormonali cambiano nel corso della vita di un uomo,  specialmente nella fase dopo i 50 anni. Diventare calvi è un processo relativamente lento ( o che dovrebbe richiedere molto tempo). Nonostante ciò, identificare la prima fase della caduta dei capelli che porta alla calvizie è qualcosa che non si dovrebbe trascurare, per quanto complicato e difficile possa sembrare. Per gli uomini, bisogna controllare l’attaccatura dei capelli: è a forma di M o a ferro di cavallo? In questi casi, l’indicatore della calvizie maschile è chiaro. Perché perdere ancora tempo con i propri dubbi?

Domanda 4: Colorare i capelli li farà cadere o causerà la caduta dei capelli?

La risposta diretta è: dipende. Si sa che i prodotti per la colorazione dei capelli (permanenti e semipermanenti) contengono perossido e ammoniaca. Sono sostanze chimiche altamente dannose, soprattutto quando applicate con regolarità. L’ammoniaca si gonfia e apre le cuticole dei capelli e il perossido entra dentro per cambiare il colore dei capelli. Questa mancanza di integrità dei capelli li rende deboli e, in alcuni casi, può portare alla rottura. Ancora peggio il caso dei capelli decolorati o schiariti. Tuttavia, per la maggior parte, la caduta dei capelli di per sé non può essere causata da una tintura. Nonostante ciò, coloro che tingono abitualmente utilizzando una colorazione permanente e hanno avuto anche dei segni di alopecia pregressa, allora potrebbero aspettarsi il peggio.

Domanda 5: La caduta dei capelli è permanente?

Fatta eccezione per la perdita dovuta ai fattori genetici, la caduta dei capelli è solitamente temporanea. Infatti, se la gravidanza, i farmaci, lo stress fisico, le vitamine, i minerali o la carenza di proteine ​​sono la causa dell’alopecia temporanea, i capelli dovrebbero essere in grado di riprendersi dopo aver recuperato uno stato di salute ottimale. In quel caso, i capelli dovrebbero ricrescere molto velocemente. In generale, un’alopecia permanente dei capelli si verifica a causa di un’alopecia cicatriziale presente sul cuoio capelluto.

L’alopecia cicatriziale

Quando ci sono cicatrici, la caduta dei capelli è permanente a causa del tessuto sulla pelle del cuoio capelluto che blocca l’apertura del follicolo. L’alopecia cicatriziale può essere causata da problemi autoimmuni, quando un gruppo di globuli bianchi attacca altre cellule del follicolo pilifero e provoca cicatrici. Altri problemi che causano l’alopecia cicatriziale sono: portare code di cavallo eccessivamente strette, trecce ed extension, ustioni, traumi contusivi alla testa, chirurgia del cuoio capelluto e infezioni del cuoio capelluto che non vengono trattate in modo adeguato.

Conclusioni

Ci sono tanti miti sulla causa della caduta dei capelli in giro per il web. In effetti, negli ultimi anni si è venuta a causare un pò di confusione. La buona notizia è che in parte può essere un processo naturale. Soprattutto, quando non è di tipo genetico, può anche essere corretta con delle buone prospettive di guarigione a lungo termine. In sintesi, la cosa più importante è comunque tenere d’occhio il fenomeno, e qualora ci sia una caduta anomala di capelli, sarebbe bene consultare un tricologo o un dermatologo – e prendere i giusti provvedimenti. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here